“In Germania ci vado cascasse il mondo!”

Così dichiara Daisy Cacao Osakue, nazionale e primatista under 23 di lancio del disco, sfortunata protagonista di un’aggressione nei pressi di casa sua a Moncalieri.

A causa del lancio di un uovo da un auto in corsa, la campionessa di origini nigeriane  ha rischiato di saltare gli europei di atletica che si terranno in Germania dal 6 al 12 agosto.

I medici hanno riscontrato una «abrasione all’occhio sinistro» che la costringerà a saltare qualche giorno di allenamento, ma l’atleta sembra molto determinata a non mollare il suo sogno e andare in Berlino a vincere qualcosa di importante.

Nonostante il Governo minimizzi l’episodio, siamo ormai di fronte a un’ondata di razzismo legittimata da una politica populista che sta facendo arretrare mentalità e logiche sociali quasi all’epoca dei crux crux clan.

Noi di Desportibus siamo vicina a Daisy e a tutte le vittime di episodi di razzismo, indistintamente si tratti di sportivi o no, perché quando accadono atti di barbarie simili non ci sono più distinzioni da fare, c’è solo da condannare e sottolineare che la natura di gesta simili non ha nulla di umano.

Commenta